Paesaggi unici e monumenti insigni, la storia, la varietà degli usi e dei costumi, la gastronomia e una cultura inimitabile dell’ospitalità sono le carte migliori del turismo italiano in una società globalizzata che tende ad appiattire le differenze, le particolarità, le identità.

Ospitalità che però, soprattutto a Milano, non considera  i nuclei famigliari ma sembra privilegiare il turismo lavorativo o singolo e soprattutto di beve durata.

Per questa ragione e per dare una risposta a questa esigenza il cliente si è proposto come la capofila di una serie di operatori in grado di trasformare un immobile di ripa di Porta Ticinese, di proprietà comunale, in breve tempo entro Expo 2015 e a costi contenuti, in un RESIDENCE di accoglienza per il TURISMO FAMILIARE

Le funzioni collaterali all’attività principali concorreranno a completare l’offerta e a rendere fruibile per tutto l’arco della giornata il complesso e le sue pertinenze esterne cosi da ottimizzarne i costi di gestione e l’inserimento nella vita del quartiere.

Vita del quartiere in cui potranno immergersi anche gli ospiti del Residence, italiani e stranieri, che potranno quindi vivere un’esperienza unica di condivisione con gli abitanti di uno dei luoghi più caratteristi di Milano.

Il mercato del turismo familiare non rappresenta una nicchia ristretta, ma è il più grande segmento del mercato turistico che però, soprattutto a Milano, non gode dell’attenzione dovuta e di strutture organizzate per ottimizzarne l’accoglienza. Parallelamente ad un’offerta economica vantaggiosa è necessario pensare a strutture di accoglienza che non prevedano solo scaldabiberon e lettini con le sponde nelle camere, fasciatoi nei bagni e seggioloni in sala da pranzo, ma che siano in grado di:

    1. Offrire a prezzi vantaggiosi ambienti ampi in grado di accogliere dalle 4 alle 6 persone del medesimo nucleo familiare.
    2. Collegare all’attività di accoglienza anche altri elementi di attrazione e servizi specifici.

Le caratteristiche architettoniche dell’edificio e la necessità di mantenerne praticamente inalterata la struttura così come la distribuzione dei locali rendono il complesso adatto alla funzione di ACCOGLIENZA PER FAMIGLIE.

La tipica distribuzione delle case di ringhiera con le stanze in sequenza e con l’accesso dal ballatoi garantiscono la disponibilità di ampi spazi in cui poter alloggiare le famiglie da 4, 5, 6 e più componenti.

Oltre a questo il mantenimento degli aspetti distributivi sarà rispettoso dei vincoli monumentali dell’edificio e renderà meno invasivo e quindi più economico l’intervento di ristrutturazione e recupero.

Si prevede la demolizione del solo corpo ad ovest precedentemente destinato a officina che si presenta come una chiara superfetazione senza nessun valore storico e, al fine di rendere il complesso totalmente permeabile verso il Parco, anche quella dei locali al piano terreno, con l’esclusione di quelli ad ovest che saranno destinati a Casa Culturale a servizio della Zona e della cittadinanza e alla reception del Residence.

Ai piani superiori i locali saranno dotati di tutti i servizi tecnologici necessari al loro utilizzo, ma riprenderanno l’assetto distributivo degli appartamenti delle case a ballatoio con unità per l’alloggiamento delle famiglie di turisti.

Nei piani interrati della struttura verranno collocati, oltre a tutti i servizi tecnologici, anche un servizio di lavanderia self-service a gettoni e dei locali a disposizione degli ospiti per le diverse attività di supporto alla residenza temporanea.

L’intervento al piano terreno riguarderà anche la progettazione del lotto di parco antistante l’edificio, di cui farà parte integrante, dotandolo di tutti i servizi tecnologici necessari ad un suo futuro utilizzo per attività temporanei quali mercati ed eventi socio culturali cittadini ma soprattutto rendendolo un centro in grado di soddisfare, sotto controllo, le attività ludica dei giovani ospiti, anche in assenza dei genitori.

Le superfici del piano terreno non più utilizzate verranno traslate in due nuovi corpi mono piano, realizzati a secco con strutture lignee che verranno destinati alla scuola di cucina/ristorante e alla libreria studentesca autonomamente efficienti dal punto di vista energetico. Il ristorante svolgerà anche la funzione di Bar caffetteria a servizio del residence.

Il terrazzo di copertura del ristorante potrà essere utilizzato sia dai frequentatori della Casa della Cultura sia dagli ospiti del Family Residence e anche dai cittadini provenienti dal parco.

PROFILO FUNZIONALE

Tutte le attività che si svolgeranno nel complesso di Ripa di Porta Ticinese 83 dovranno riguardare attività a prezzi accessibili che interessino o l’accoglienza , la ristorazione o la formazione culturale delle famiglie ospitate.

Il complesso sarà destinato in gran parte a:

A ) Residence Low Cost per Famiglie riferito ad una clientela prevalentemente familiare o a gruppi di più persone con esigenze simili.

A tale attività si affiancheranno:

1. Libreria storico culturale della zona e rivolta  alle giovani generazioni

2. Scuola di ristorazione con annesso ristorante per le attività dolciarie

3. Centro polifunzionale culturale ad uso del Consiglio di Zona 6 per la attività di supporto

4. Aree esterne e porticati per la realizzazione di eventi temporanei

5. Parco tematico per attività ludiche e intrattenimento controllato

Finalità dell’offerta funzionale sarà quella di garantire un utilizzo h24 dell’intero complesso, con attività tra loro collegate e sinergiche, in un processo di osmosi e interazione continua tra le diverse attività.

Residence Low Cost Per Famiglie

Sono state previste 7 assunzioni così divise:

  • 3 persone che si alterneranno per la copertura di 16 ore/giorno addette al controllo del residence con funzione di eventuale assistenza-
  • 4 persone addetti alla pulizia della struttura per mezza giornata

Ad ogni piano saranno presenti distributori automatici dei prodotti alimentari e non necessari ai residenti prodotti però dalla scuola culinaria e dal ristorante e indirizzati al piccoli ospiti del centro. I clienti acquisiranno un codice segreto con cui potranno accedere alla loro camere senza l’intervento del personale della reception a cui si rivolgeranno solo nel caso avessero bisogno di assistenza o per segnalare eventuali inconvenienti.

L’uso del codice garantirà un continuo e costante controllo dei movimenti e degli utilizzi da parte dei clienti.

I mini appartamenti saranno :

N° 13 unità da 2 camere 4 posti con armadio, piccolo ripostiglio, bagno

N° 3 unità da 2 camere 5 posti con armadio, piccolo ripostiglio, bagno

N° 6 unità da 6 posti composta da 3 camere da letto da 2 posti ognuna con bagno, vano cottura e soggiorno.

Scuola di cucina/Ristorante

Lo spazio destinato alla scuola di cucina sarà gestito da  http://www.gianlucafusto.com/ che ha immaginato una soluzione APERTA che prevederà :

–  un laboratorio di produzione di pasticceria, dove realizzare gli alimenti destinati alla ristorazione e le referenze destinate alla vendita  (con     eventuali produzioni speciali a scopi benefici)

–  uno spazio per la ristorazione: lo renderanno unico le proposte a menù, che saranno focalizzate sul rovesciamento dei ruoli tra dolce e salato

–  uno spazio polifunzionale riservato alla formazione e agli eventi a tema, in collaborazione con strutture accreditate già presenti sul territorio ma non solo ( per fare qualche esempio, pensiamo a un programma di corsi per l’inserimento lavorativo delle persone con disabilità, o a tavole rotonde con esperti del settore per giovani e persone senza lavoro; a giornate di gestione condivisa con realtà simili straniere, in una sorta di laboratorio aperto alle idee e al gusto in senso lato)

–  un corner in cui prevedere una postazione di esposizione e/o consultazione e/o vendita di materiale editoriale e su altri supporti sul tema della pasticceria e più in generale sul gusto

Molte attività saranno pensate appositamente per fasce della popolazione con esigenze particolari, come disabili, genitori con bambini piccoli, ragazzi, anziani, per creare un vero e proprio centro di aggregazione e sperimentazione attorno al mondo dolce (e salato) aperto in primis al quartiere e alla città ma che si proponga anche come esempio per altre strutture nel suo genere.

Libreria

La libreria sarà il fulcro dell’attività e dell’offerta culturale del complesso di cui riprenderà e amplierà le possibilità di conoscenza. Vi saranno quindi testi in lingua per garantire l’offerta agli ospiti del Family Residence ma anche testi per un pubblico giovane e giovanissimo così come quelli storici e architettonici dedicati al quartiere e alla zona. Oltre a questo la libreria sarà il primo fornitore della Casa della Cultura di cui garantirà anche, parallelamente al personale del Family Residence, l’apertura continua in tutto l’arco della giornata. Trovandosi lungo un ideale asse librario che collega le sedi di Via Corsico e di Via Romolo, il centro di Ripa di Porta Ticinese rappresenterà il fulcro dell’offerta culturale di tutta l’area dei Navigli

Casa della Cultura

Uno spazio a disposizione del consiglio di zona. Negli orari diurni , dalle 8 alle 20, l’accesso è controllato dal responsabile dell’accoglienza del Residence, così da ottimizzare il servizio e concentrare i costi. Per le altre attività, eventi particolari, corsi formativi, incontri dei cittadini la gestione è demandata al consiglio Di Zona, a cui saranno affidati i locali , ma tutte le attività saranno aperte e gli spazi, tra cui sale wi-fi e multimediali, una piccola biblioteca dedicata al quartiere e alla storia del quartiere , gestita direttamente dalla libreria, con testi in lingua saranno accessibili anche dagli ospiti del Family Residence.

Area Esterna

L’espansione dell’area esterna di pertinenza del Family Residence avrà la duplice funzione di mantenere parte del parco, di attrezzarlo per l’accoglienza dei giovani ospiti e di utilizzarlo anche per una serie di eventi programmati dal Consiglio di Zona e dalla cittadinanza. Per questa ragione la parte del parco interessata sarà tecnologicamente attrezzata e cablata per gli allacciamenti necessari allo sviluppo delle diverse manifestazioni.

 

Team progetto
Bonessa Associati,  M.Bergamaschi

 

 
 

Tag: # # # # # # # # #