In un fondo intercluso abbiamo progettato una piccola corte intorno alla quale si sviluppa un complesso edilizio composto da tre volumi di diversa altezza.

Il quarto lato della corte è volutamente aperto sull’intervento confinante, progettato sempre dall’Architetto Bonessa, per unire spazialmente i cortile, nella speranza che, una maggiore disponibilità alla condivisione degli spazi possa, un giorno, diventare anche fisicamente reale con la demolizione del
muro di separazione dei lotti.
La realizzazione del primo piano dei box a livello terreno ha consentito di spostare lo spiccato dei piani abitativi ad una quota di 3,30 mt da terra per «estrarre» dal suolo un complesso che, in quanto intercluso, rischiava di presentarsi troppo soffocato dagli edifici circostanti.
la diversa altezza dei corpi edilizi e una loro colorazione di facciata fortemente contrastanti, movimentano e diversificano le diverse prospettive di percezione del fabbricato.
Realizzato secondo i dettami del più attento risparmio energetico ha raggiunto, senza appesantire eccessivamente l’impegno economico, la classe B di certificazione, con un’attenta scelta dei materiali di costruzione, della distribuzione degli spazi e del loro orientamento, piuttosto che con una eccessiva dotazione di elementi di produzione di energia alternativa.

Progetto
Andrea Bonessa

Team progetto
Bonessa Associati

Collaboratori
Roberta Dalla Cia, Alessandra Memoli, Chiara Martini, Kendra Battan

Committente
Mobilia & Dimore srl

Dimensione
800 mq

Tag: # # # # #